Perché generalmente preferisco Unity a GNOME3


by pandafunk

Unity e GNOME3, ovvero le ultime novità dei desktop environment, mi hanno arrecato tantissima confusione e non pochi problemi, come immagino sia accaduto a molti altri. Sono un utente di vecchia data, non mi definisco un guru ma sono uno di quelli che nel tempo ha provato un po’ tutti i desktop environment nei suoi vari paradigmi e che soprattutto ne ha visto l’evoluzione, sin da quando GNOME era ancora basato sulle gtk1 ed era poco più di un window manager e due pannelli poco versatili. La cosa a cui ho sempre fatto particolare attenzione era lo spazio, perché spesso era male utilizzato sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista pratico. Per questo parallelamente ho utilizzato sempre ambienti come blackbox o windomaker, per avere più spazio su risoluzioni da notebook.

Non penso proprio di essere l’unico che nota quanto spazio viene sprecato ad esempio da Firefox in una Ubuntu con Gnome2 appena installata. Caratteri enormi, pulsanti enormi, barre e controbarre per arrivare a sprecare orizzontalmente quasi un quarto dello spazio sul monitor, a meno che non si hanno risoluzioni talmente alte che il problema non si pone.

Devo dire che è soprattutto per questo motivo che ho accolto con favore la global menu bar, sia quando era un hack alle gtk2 che su Unity allo stato attuale: secondo me aiuta a guadagnare (soprattutto con le finestre massimizzate) un po’ di spazio davvero utile.

Per me che pongo tanta attenzione appunto allo spazio è molto più coinvolgente un sistema come Exposè di OSX o Attività di GNOME3 per passare da una finestra all’altra… proprio perchè mi da la possibilità, con le zommate indietro delle finestre, di percepire questo spazio virtuale ed vedere quanto è grande la finstra a cui devo passare e scegliere se tenerla così o ingrandirla. Si, sono pippe mentali. Devo dire che su Unity mi manca questa funzionalità ed anche se c’è qualcosa di simile per le finestre multiple delle stesse applicazioni dopotutto lo trovo abbastanza comodo.

Insomma, il fattore determinante che mi porta a dire che tuttosommato Unity è più comodo di GNOME3 è ancora la global menu bar, se qualcuno storce il naso perchè pensa che sia una scopiazzatura di OSX e quindi una cosa da evitare mi sento di dirgli che il concetto di global menu bar è vecchio quanto la storia delle interfacce grafiche… e forse il primo sistema ad utilizzarlo è stato AmigaOS con suo WorkBench, quindi non ci vedo nulla di male a continuare ad utilizzarlo. Anzi.


Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.