Apr 3 2011

Motorola Backflip: nessun aggiornamento ad Android 2.x in Europa


by pandafunk

Anche se sono un geek non sono ancora un fanatico e quindi la notte riesco a dormirci però è ovvio che mi infastidisce un po’ avere un Motorola Backflip fermo ad Android 1.5 mentre negli Stati Uniti hanno Android 2.1. Personalmente riesco a farci tutto quello che mi serve ma gironzolando per il Market inizio a trovare qualche applicazione non installabile su Android 1.5 ed ovviamente il numero è destinato a salire ai ritmi consueti del mondo dell’IT.

Poi vai a finire sul forum di supporto ufficiale di Motorola e ti ritrovi scritto questo:

BACKFLIP (Europe) Will remain on Android 1.5 for the best combined hardware and software experience

E’ una frase di cortesia in aziendalese, una scusa. Quale potrebbe essere questo fattore che dovrebbe rovinare l’esperienza finale di un utente europeo? Non lo so, ed un po’ tutti i possessori di un Backflip se lo stanno chiedendo incazzandosi parecchio soprattutto con Motorola. Ma leggendo qualche considerazione in giro tra i forum mi sono reso conto che la spiegazione potrebbe venire dagli accordi con i carrier, i gestori di telefonia mobile.

Tutti i moderni smartphone sono progettati per appoggiarsi pesantemente alla connettività internet, wireless o 3G che sia. Se prendiamo come esempio l’Italia siamo indietro di parecchi anni. Sopratutto per quanto riguarda le tariffe… non ci sono tariffe adeguate al traffico internet e se ci sono costano troppo. Quelle più accessibili ancora sono per il traffico WAP filtrato, praticamente inutili.

Anche se è possibile scaricarli con l’ADSL di casa, gli aggiornamenti andrebbero diffusi on-air, ovvero scaricati in automatico dallo smartphone usando la connettività disponibile. Bene: considerato che l’aggiornamento del Backflip peserebbe circa 100MB facciamo qualche simulazione:

  • Un utente non ha nessuna offerta per internet attiva ma ha una rete wifi a casa a cui casualmente il suo cellulare è collegato: gli va di culo e si scarica l’aggiornamento.
  • Un utente non ha nessuna offerta per internet attiva ma passeggiando si connette a scrocco al wifi di qualcuno: gli va troppo di culo e si scarica l’aggiornamento.
  • Un utente non ha nessuna offerta attiva, aveva appena fatto una ricarica ed ora si ritrova senza credito: il cellulare era partito a scaricare l’aggiornamento ad una tariffazione salatissima; l’utente telefona e reclama.
  • Un utente aveva un’offerta attiva tipo 50 mega al giorno ed ora si ritrova senza credito: il cellulare era partito a scaricare l’aggiornamento, gli ha consumato i 50 mega di traffico ed ha continuato a scaricare il resto ad una tariffazione salatissima; l’utente telefona e reclama.
  • Un utente ha un’offerta attiva tipo 250 mega di traffico WAP a settimana: non può scaricare l’aggiornamento perchè il traffico WAP è filtrato. In realtà che era filtrato se ne era accorto quando certe applicazioni non funzionavano, ma ormai aveva attivato l’offerta WAP; l’utente si rassegna e non reclama.
  • Un utente su 20 ha un’offerta attiva per internet a traffico illimitato perchè se la può permettere, ma non gliene frega niente perchè ha l’iPhone.

Secondo me non è che Motorola è stronza perchè non rilascia gli aggiornamenti in Europa, è che fondamentalmente noi, in Europa, non ce li possiamo permettere.