Jul 20 2003

Carnivore


by tonycrypt

Carnivore è il sistema d’intercettazione delle e-mail messo in piedi dall’FBI, molto simile ad Echelon, che intercetta anche i messaggi SMS e le comunicazioni wireless. Il DCS 1000, noto al grande pubblico come Carnivore, è un sistema che permette alla nota agenzia investigativa di controllare indiscriminatamente tutte le e-mail degli utenti americani. Lo scopo dichiarato è quello di effettuare indagini in maniera più efficiente, ma, fin da quando si è venuto a sapere della sua esistenza, si è scatenata una vera e propria bufera di polemiche. Sono in molti a ritenere che questo sistema sia un’inaccettabile violazione del diritto alla privacy dei normali onesti cittadini: infatti, per trovare le comunicazioni sospette, Carnivore deve scandagliare tutte le e-mail e quindi deve entra nella corrispondenza privata delle persone. La sua legalità è tuttora oggetto di controllo anche da parte del Dipartimento di Giustizia americano.

Ma è in particolare dal giorno dei grandi attentati di Settembre negli USA che Carnivore viene sfruttato al massimo delle sue potenzialità. E, in clima di guerra e terrorismo, si mette al primo posto la sicurezza trascurando concetti come privacy o anonimato. Gli USA ammettono chiaramente il ricorso a Carnivore, vista la grave situazione venutasi a creare in seguito all’attacco terroristico. Ma, per garantire maggiore sicurezza in futuro, sarà rispettata la privacy? Non solo: gli Stati Uniti chiedono la chiusura dei remailers, strumenti indispensabili per garantirsi un certo anonimato.

 


Jul 20 2003

Pigpen


by tonycrypt

Il cifrario Pigpen (recinto per maiali) veniva utilizzato nel Settecento, dai massoni, per evitare che le proprie comunicazioni venissero intercettate. Attualmente viene utilizzato per gioco, dagli scolari. Si tratta di una semplicissima sostituzione delle lettere con dei simboli, secondo il seguente schema:

Seguendo tale schema risulterebbe:

a =

b =

……

z =

Dunque secondo tale schema, il codice : andrebbe tradotto semplicemente come “ciao”.

Se è nota la chiave di cifratura del pigpen, allora è semplicissimo decifrarlo. Altrimenti non risulta particolarmente difficile ricavare la chiave giusta, magari con analisi di frequenze.